La Cavalcata Sarda

Home | Eventi e news | Sassari | Città | La Cavalcata Sarda
 

Elenco Comuni della provincia di Sassari
Alghero
Anela
Ardara
Banari
Benetutti
Bessude
Bonnanaro
Bono
Bonorva
Borutta
Bottidda
Bultei
Bulzi
Burgos
Cargeghe
Castelsardo
Cheremule
Chiaramonti
Codrongianos
Cossoine
Erula
Esporlatu
Florinas
Giave
Illorai
Ittireddu
Ittiri
Laerru
Mara
Martis
Monteleone Rocca Doria
Mores
Muros
Nughedu San Nicolo'
Nule
Nulvi
Olmedo
Osilo
Ossi
Ozieri
Padria
Pattada
Perfugas
Ploaghe
Porto Torres
Pozzomaggiore
Putifigari
Romana
Santa Maria Coghinas
Sassari
Sedini
Semestene
Sennori
Siligo
Sorso
Stintino
Tergu
Thiesi
Tissi
Torralba
Tula
Uri
Usini
Valledoria
Viddalba
Villanova Monteleone
CagliariCarbonia - IglesiasMedio CampidanoNuoro
OgliastraOlbia - TempioOristanoSassari
 
La Cavalcata Sarda

Appuntamento di grande richiamo di Sassari

La Cavalcata Sarda è una scoperta affascinante della vita sarda, una vera "esposizione di costumi sardi" offerti in una straordinaria varietà di colori. Questa manifestazione non ha una tradizione storica lontana, ma ricorda quella organizzata per la visita dei sovrani in Sardegna nel 1899, dove il "clou" doveva essere un "festival", cioè una festa popolare che evidenziava i differenti costumi Ripresa nel 1951, è diventata una festa popolare annuale di canti, balli e colori.
La Cavalcata può essere considerata come una grande festa di primavera, si svolge la penultima domenica di maggio, e vede la partecipazione di diversi gruppi di persone, provenienti da più di 70 paesi della Sardegna che sfilano con i costumi tradizionali. Ogni costume è un pezzo unico ed originale per colore e forma: i costumi degli uomini e delle donne, quelli per le feste e quelli di tutti i giorni, quelli del ricchi e quelli dei poveri, dei pastori e dei pescatori, delle donne sposate e delle vedove. Gli elementi caratterizzanti il costume maschile sono il berretto a maglia, la camicia, il gilet, la giacchetta, le "ragas", i pantaloni in lino bianco, le varie forme di mantello, con il caratteristico "gabbanu" tipico della tradizione pastorale, la mastruca, grossa veste di pelle e lana di pecora non conciata, che a seconda della stagione si portava con lana all'interno o all'esterno, alla quale si poteva aggiungere, o meno, il "collettu" larga veste di cuoio finemente conciata che arriva fino alle ginocchia, aperta davanti e tenuta da una larga cintura di cuoio ricamata.
Il costume femminile è più ricco, più vario, colorato e sontuoso. Gli elementi essenziali sono: la cuffia che può essere un foulard, un velo, una cappa, o uno scialle. La camicetta, sempre bianca, anche per le vedove (che portano una benda bianca sul viso come nel Medio Evo), il corsetto di forme diverse. La veste può essere con delle maniche aperte per lasciare fuoriuscire gli sbuffi della camicia; la giubbetta di stoffe e colori vari, generalmente pieghettata e finemente cucita. Il costume femminile prevede come decorazione essenziale un'incredibile e ricco apparato di gioielli d'oro, argento, corallo e perle.

 
CagliariCarbonia - IglesiasMedio CampidanoOgliastraOristanoNuoroOlbia - TempioSassari
 
 
 
-comunitalia
 
-firenze
 
-iglesiente
 
 
La Cavalcata Sarda
camping, campeggi sardegna, isola sarda, turismo sardo
La Cavalcata Sarda: Guida ai camping della Sardegna

esecuzione in 0,078 sec.